posa parquet

Come si posa il parquet? posa incollata e flottante

Posa parquet incollata 

Una ottimale posa in opera parte sempre dalla verifica delle condizioni del nostro massetto, che dovrà essere liscio e asciutto privo di umidità che finirebbe per danneggiare il nostro parquet.

Se dobbiamo realizzare ancora i nostri sottofondi è bene identificare le tempistiche per la successiva posa:

  • con tempi molto brevi è bene utilizzare una malta premiscelata pronta all’uso a presa normale con ritiro controllato per la realizzazione di massetti a veloce asciugamento ( da 24 a 96 ore) o prodotto similare ;
  • con tempi medio lunghi, dai 2 ai 4 mesi è possibile utilizzare una normale malta.

Detto questo, è sempre meglio verificare l’umidità massima ammessa, determinandola con igrometro a carburo, i valori non possono essere superare per i massetti cementizi o di leganti idraulici 2% mentre per quello ad’ anidrite lo 0,5%.

Possiamo quindi procedere alla posa del nostro parquet, con una spatola a denti triangolari stendiamo uniformemente la colla sul nostro fondo, per poi procedere ad appoggiare al di sopra le nostre doghe di legno. Lungo il bordo della stanza deve essere lasciato ca. 1 cm di vuoto al fine di permettere la normale dilatazione del legno, esso sarà poi coperto dal battiscopa.

Posa parquet flottante o “libera”

Consigliamo anche per questo tipo di posa di verificare lo stato del nostro massetto, come sopra descritto.

Nella posa flottante le nostre doghe di legno saranno lavorate con un incastro maschio/femmina o a “Clic” (autobloccante) entrambi necessari per la stabile posa del parquet.

Fondamentale è la stesura, tra il massetto e le doghe, di uno strato di materassino isolante, dello spessore e tipologia desiderata, vi consigliamo di visitare la nostra pagina relativa ai sottopavimenti per poter individuare il vostro prodotto ideale.

Anche in questo caso è necessario lasciare lungo il bordo un vuoto di ca. 1 cm al fine di permettere la dilatazione del nostro parquet.

La posa flottante quasi sempre viene realizzata per pavimenti prefiniti e ci fornisce numerosi vantaggi come l’immediata calpestabilità , la velocità di posa e la facile rimozione nonché l’economicità rispetto a quella incollata.

Vi consigliamo comunque di informarvi con il vostro rivenditore sulla più idonea metodologia di posa rispetto al pavimento scelto, soprattutto in presenza di massetto radiante ( riscaldamento a pavimento).

Visitate le nostre “news” per tutti gli aggiornamenti.

ristrutturazioni alberghi

RISTRUTTURAZIONI ALBERGHI: PROROGA AGEVOLAZIONI PER IL 2017

La legge di stabilità  2017 proroga e aumenta al 65% il credito d’imposta a favore delle imprese alberghiere che ristrutturano.

La Legge di Bilancio 2017, definitivamente approvata e in attesa della pubblicazione in G.U.,  proroga il credito d’imposta a favore delle imprese alberghiere (ex art. 10 D.l. 83/2014) esistenti alla data del 1° gennaio 2012, che effettuano interventi di ristrutturazione della struttura quali:

  • manutenzione straordinaria,
  • restauro e risanamento conservativo,
  • ristrutturazione edilizia,
  • eliminazione delle barriere architettoniche,
  • incremento dell’efficienza energetica,
  • ulteriori interventi, compresi quelli per l’acquisto di mobili e componenti d’arredo destinati esclusivamente agli immobili oggetto degli interventi.

L’agevolazione si è dimostrata un valido strumento di incentivo per la riqualificazione delle strutture ricettive esistenti, migliorando la qualità dell’offerta turistica del Paese. L’incentivo, inoltre, rappresenta uno strumento di sostegno alla ripresa economica di territori colpiti dal recente sisma, ove sono presenti numerose strutture ricettive che necessitano di interventi di recupero e di ristrutturazione.
Il credito è prorogato per i periodi d’imposta 2017 e 2018, ed è incrementato nella misura del 65% delle spese sostenute fino ad un massimo di 200.000 euro. Può essere fruito nel limite massimo di:

  • 60 milioni di Euro nel 2018,
  • 120 milioni di € nel 2019;
  • 60 milioni di Euro nel 2020.

Tra i beneficiari vengono incluse anche le strutture che svolgono attività agrituristica, di cui alla L. 96/2006, considerato che tali strutture rappresentano un segmento significativo della ricettività, e contribuiscono allo sviluppo di un’offerta turistica di qualità.
Dovrà essere aggiornato il decreto del 7.5.2015 “Disposizioni applicative per l’attribuzione del credito d’imposta alle strutture ricettive e turistico-alberghiere“.

Fonte: Fisco e Tasse

AMB. 3 0072

CARTA DA PARATI – DESIGN NUOVI E INNOVATIVI

Lo avevamo anticipato a fine  2016, sono arrivati i nuovi campionari! Carta da parati di design disponibile presso la nostra sede nelle linee:

  • Vivre ” a home is made of love and dreams”: motivi fatti di linee grafiche,  disegni floreali estremamente moderni e contrasti ci colore dalle tonalità tenui alla vivacità di colori luminosi e forti.  Materiali fantastici  realizzati su tessuti a rilievo che creano delle sensazioni tattili e visive estremamente innovative;
  • Riviera Maison ” home is where you can be you: rivestire i propri ambienti di qualcosa che ci rappresenta, texture innovative ed estremamente personali per avvolgere la tua abitazione di qualcosa di speciale. Riviera Maison significa avere il coraggio di usare  stampe su tela di vecchie mappe d’avventura, del globo o di nostalgici collage fotografici dei tempi passati; senza tralasciare texture ispirate alla natura come intrecci di vimini e paglia per finire con la riproduzione di soffici tessuti.

Osate! differenziate i vostri spazi! Vi aspettiamo per visionare insieme i nuovi campionari.

Vi ricordiamo che la nostra azienda fornisce anche il servizio di posa in opera.