posa parquet

Come si posa il parquet? posa incollata e flottante

Posa parquet incollata 

Una ottimale posa in opera parte sempre dalla verifica delle condizioni del nostro massetto, che dovrà essere liscio e asciutto privo di umidità che finirebbe per danneggiare il nostro parquet.

Se dobbiamo realizzare ancora i nostri sottofondi è bene identificare le tempistiche per la successiva posa:

  • con tempi molto brevi è bene utilizzare una malta premiscelata pronta all’uso a presa normale con ritiro controllato per la realizzazione di massetti a veloce asciugamento ( da 24 a 96 ore) o prodotto similare ;
  • con tempi medio lunghi, dai 2 ai 4 mesi è possibile utilizzare una normale malta.

Detto questo, è sempre meglio verificare l’umidità massima ammessa, determinandola con igrometro a carburo, i valori non possono essere superare per i massetti cementizi o di leganti idraulici 2% mentre per quello ad’ anidrite lo 0,5%.

Possiamo quindi procedere alla posa del nostro parquet, con una spatola a denti triangolari stendiamo uniformemente la colla sul nostro fondo, per poi procedere ad appoggiare al di sopra le nostre doghe di legno. Lungo il bordo della stanza deve essere lasciato ca. 1 cm di vuoto al fine di permettere la normale dilatazione del legno, esso sarà poi coperto dal battiscopa.

Posa parquet flottante o “libera”

Consigliamo anche per questo tipo di posa di verificare lo stato del nostro massetto, come sopra descritto.

Nella posa flottante le nostre doghe di legno saranno lavorate con un incastro maschio/femmina o a “Clic” (autobloccante) entrambi necessari per la stabile posa del parquet.

Fondamentale è la stesura, tra il massetto e le doghe, di uno strato di materassino isolante, dello spessore e tipologia desiderata, vi consigliamo di visitare la nostra pagina relativa ai sottopavimenti per poter individuare il vostro prodotto ideale.

Anche in questo caso è necessario lasciare lungo il bordo un vuoto di ca. 1 cm al fine di permettere la dilatazione del nostro parquet.

La posa flottante quasi sempre viene realizzata per pavimenti prefiniti e ci fornisce numerosi vantaggi come l’immediata calpestabilità , la velocità di posa e la facile rimozione nonché l’economicità rispetto a quella incollata.

Vi consigliamo comunque di informarvi con il vostro rivenditore sulla più idonea metodologia di posa rispetto al pavimento scelto, soprattutto in presenza di massetto radiante ( riscaldamento a pavimento).

Visitate le nostre “news” per tutti gli aggiornamenti.

Manutenzione parquet verniciato

Per mantenere il nostro parquet sempre bello negli anni basta poco! Vi indichiamo alcuni accorgimenti da seguire:

  • la manutenzione giornaliera  dovrebbe cominciare sempre con l’aspirazione dei residui di polvere e sporcizia, consigliamo aspirapolvere o scopa a setole morbide, meglio se specifiche per parquet;
  • il lavaggio del pavimento dovrà essere effettuato con un panno morbido privo di parti abrasive, bagnato in acqua tiepida e ben strizzato. Utilizzare detergenti specifici per legno vi garantirebbe di mantenere la vernice del Vs. pavimento lucida  e sempre viva. Incidenza di lavaggio consigliata: 1 o 2 volte alla settimana. Ricordate sempre che, il legno teme l’umidità, pertanto non esagerate con l’acqua.

Di fondamentale importanza è conoscere la tipologia di finitura superiore del nostro legno, il parquet cerato richiede una manutenzione diversa rispetto a quanto sopra detto.

Scegliere un detergente specifico può aiutare, per questo ci sentiamo  di consigliarvi il nostro “Bioclean” per conservare l’aspetto del vostro pavimento in legno e rispettare l’ambiente con un prodotto ecologico.